Come configurare e gestire iDRAC 6 e Lifecycle Controller per i server Dell PowerEdge 11G

Come configurare e gestire iDRAC 6 e Lifecycle Controller per i server Dell PowerEdge 11G


 

Riepilogo dell'articolo: Questo articolo fornisce informazioni per la configurazione e la gestione di iDRAC 6 e Lifecycle Controller per i server 11G PowerEdge.


 

Sommario:

  1. Configurazione e gestione di iDRAC
  2. Lifecycle Controller: informazioni e configurazione
 
 
Nota: i server Dell 11G includono i seguenti modelli: T110, T110 II, R210, R210 II, R310, T310, R410, T410, R415, R510, R515, R610, T610, R710, T710, R715, R810, R815, R910, M610x, M610, M710, M710HD, M810 e M915

 

1. Configurazione e gestione di iDRAC

 

Credenziali predefinite di iDRAC:

Nome utente = root

Password = calvin


Guida introduttiva di iDRAC6 (Integrated Dell Remote Access Controller 6)

 

iDRAC6 consente di monitorare in remoto, risolvere i problemi e riparare un sistema Dell anche quando è inattivo.

iDRAC6 offre una vasta gamma di funzioni quali reindirizzamento della console, supporti virtuali, KVM virtuali, autenticazione di smart card e Single Sign-On.

La stazione di gestione è il sistema dal quale un amministratore gestisce in remoto un sistema Dell con iDRAC6.

I sistemi che vengono monitorati in questo modo vengono definiti sistemi gestiti.
 

Se si desidera, è possibile installare il software Dell ™OpenManage™ sulla stazione di gestione, nonché sul sistema gestito.

Senza il software del sistema gestito, non è possibile utilizzare RACADM localmente e iDRAC6 non è in grado di acquisire l'ultima schermata di arresto anomalo.



Per chi desidera un'introduzione più dettagliata a iDRAC6, sono disponibili i seguenti collegamenti:
 

Verifica della presenza di iDRAC

Per impostazione predefinita, i seguenti sistemi vengono forniti con iDRAC: R710, T610, R610, R810, R910

I sistemi T110, R210, R310, T310, R410, T410, R510 vengono forniti con le seguenti opzioni:

  • BMC, conforme a IPMI2.0 (Baseboard Management Controller)

  • Dell™ OpenManage™

  • Unified Server Configurator

  • LifeCycle Controller abilitato a scelta mediante: iDRAC6 Express, iDRAC6 Enterprise e vFlash

 

Per accertarsi che iDRAC sia installato, controllare la seguente voce (Figura 1, solo in inglese).  Verrà visualizzata alla fine del processo POST.

DRAC 2 
Figura 1. Verifica dell'installazione di un iDRAC

 

 


 

Configurazione del sistema affinché utilizzi iDRAC6

Per configurare il sistema affinché usi iDRAC6, avvalersi della utility di configurazione iDRAC6.
 

Per eseguire l'utility di configurazione iDRAC6: (prima di iniziare, si consiglia sempre di aggiornare il firmware del sistema; per istruzioni su come procedere, consultare il "Passaggio 6: Aggiornamento dell'iDRAC")

  1. Accendere o riavviare il sistema.

  2. Premere <Ctrl> quando richiesto durante il POST. Se il sistema operativo inizia a caricarsi prima di premere , lasciare completare l'avvio, quindi riavviare il sistema e riprovare.

  3. Configurare LOM (Lan On Motherboard) (scheda di rete). Utilizzate i tasti freccia per selezionare i parametri LAN e premere . Viene visualizzata la selezione della scheda di interfaccia di rete. Utilizzare i tasti freccia per selezionare una delle seguenti modalità della scheda di interfaccia di rete:

     

    Dedicated (Dedicata): selezionare questa opzione per consentire al dispositivo di accesso remoto di utilizzare l'interfaccia di rete dedicata disponibile su iDRAC6 Enterprise. Questa interfaccia non è condivisa con il sistema operativo host e indirizza il traffico di gestione in una rete fisica separata, consentendone la separazione dal traffico delle applicazioni. Questa opzione è disponibile solo se nel sistema è installato un iDRAC6 Enterprise. Dopo avere installato la scheda iDRAC6 Enterprise, assicurarsi di modificare la selezione della scheda di interfaccia di rete su Dedicated (Dedicata). Questa operazione può essere effettuata tramite iDRAC6 Configuration Utility, iDRAC6 Web Interface o RACADM.

    Shared (Condivisa): selezionare questa opzione per condividere l'interfaccia di rete con il sistema operativo host. L'interfaccia di rete del dispositivo di accesso remoto è completamente funzionale quando il sistema operativo host viene configurato per il gruppo NIC. Il dispositivo di accesso remoto riceve dati mediante NIC 1 e NIC 2, ma li trasmette solo mediante NIC 1. Se NIC 1 riporta un errore, il dispositivo di accesso remoto non sarà accessibile. Installazione di base di iDRAC6 35

    Shared with Failover LOM2 (Condivisa con failover LOM2): selezionare questa opzione per condividere l'interfaccia di rete con il sistema operativo host. L'interfaccia di rete del dispositivo di accesso remoto è completamente funzionale quando il sistema operativo host viene configurato per il gruppo NIC. Il dispositivo di accesso remoto riceve dati mediante NIC 1 e NIC 2, ma li trasmette solo mediante NIC 1. Se si verifica un errore su NIC 1, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover su NIC 2 per la trasmissione di tutti i dati. Il dispositivo di accesso remoto continua a utilizzare NIC 2 per la trasmissione dei
    dati. Se si verifica un errore su NIC 2, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover della trasmissione di tutti i dati su NIC 1, se l'errore in NIC 1 è stato risolto.

    Shared with Failover All LOMs (Condivisa con failover di tutte le LOM): selezionare questa opzione per condividere l'interfaccia di rete con il sistema operativo host. L'interfaccia di rete del dispositivo di accesso remoto è completamente funzionale quando il sistema operativo host viene configurato per il gruppo NIC. Il dispositivo di accesso remoto riceve dati mediante NIC 1, NIC 2, NIC 3 e NIC 4, ma li trasmette solo mediante NIC 1. Se si verifica un errore su NIC 1, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover della trasmissione di tutti i dati a NIC 2. Se si verifica un errore su NIC 2, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover della trasmissione di tutti i dati a NIC 3. Se si verifica un errore su NIC 3, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover della trasmissione di tutti i dati a NIC 4. Se si verifica un errore su NIC 4, il dispositivo di accesso remoto effettua il failover della trasmissione di tutti i dati a NIC 1, solo se l'errore in NIC 1 è stato risolto

    Configurare i parametri LAN del controller di rete per utilizzare DHCP o un'origine dell'indirizzo IP statico.

    1. Utilizzando il tasto freccia giù, selezionare LAN Parameters (Parametri LAN) e premere .

    2. Utilizzando i tasti freccia su e giù, selezionare IP Address Source (Origine indirizzo IP).

    3. Utilizzando i tasti freccia destra e sinistra, selezionare DHCP, Auto Config (Configurazione automatica) o Static (Statico).

    4. Se è stato selezionato Static (Statico), configurare le impostazioni IP Address (Indirizzo IP), Subnet Mask e Default Gateway (Gateway predefinito).

    5. Premere .

  4. Premere .

  5. Selezionare Save Changes and Exit (Salvare le modifiche e uscire).

    Demo dettagliata di Dell iDRAC6

     


Accesso all'interfaccia Web

Per accedere all'interfaccia Web di iDRAC6, effettuare le seguenti operazioni:

1. Aprire una finestra del browser Web supportato.

  • Per accedere all'interfaccia Web utilizzando un indirizzo IPv4, andare al passaggio 2.
  • Per accedere all'interfaccia Web utilizzando un indirizzo IPv6, andare al passaggio 3.


2. Accedere all'interfaccia Web utilizzando un indirizzo IPv4; è necessario che IPv4 sia abilitato.
Immettere nella barra degli indirizzi del browser: https://, quindi premere .

3. Accedere all'interfaccia Web utilizzando un indirizzo IPv6; è necessario che IPv6 sia abilitato.
Immettere nella barra degli indirizzi del browser: https://[], quindi premere .

4. Se il numero di porta HTTPS predefinito (porta 443) è cambiato, immettere: https://: dove indirizzo-IP-iDRAC è l'indirizzo IP per iDRAC6 e numero-porta è il numero della porta HTTPS.

5. Nel campo Address (Indirizzo) immettere https:// e premere . Se il numero di porta HTTPS predefinito (porta 443) è cambiato, immettere: https://: dove indirizzo-IP-iDRAC è l'indirizzo IP per iDRAC6 e numero-porta è il numero della porta HTTPS.

Viene visualizzata la finestra iDRAC6 Login (Accesso a iDRAC6).
 


Accesso a iDRAC

È possibile accedere come utente iDRAC6 o come utente Microsoft Active Directory. Il nome utente e la password predefiniti per utente iDRAC6 sono rispettivamente root e calvin.
È necessario che l'amministratore conceda il privilegio di accesso a iDRAC per potere accedere a iDRAC6.

Per accedere, effettuare le seguenti operazioni:

1. Nel campo Username (Nome utente), digitare uno dei seguenti elementi:• Nome utente iDRAC6. Il nome utente degli utenti locali distingue tra maiuscole e minuscole.
Ad esempio, root, it_user o john_doe.

• Nome utente di Active Directory.
I nomi di Active Directory possono essere immessi con i seguenti formati: , \, / oppure @. Questi non distinguono tra maiuscole e minuscole. Ad esempio, dell.com\john_doe oppure JOHN_DOE@DELL.COM.

2. Nel campo Password, immettere la password utente di iDRAC6 o Active Directory. Le password distinguono tra maiuscole e minuscole.

3. Nel menu a discesa Domain (Dominio), selezionare This iDRAC (Questo iDRAC) per accedere come utente di iDRAC6 oppure selezionare uno dei domini disponibili per accedere come utente di Active Directory.

 

Nota: per gli utenti di Active Directory, se è stato specificato il nome dominio come parte del nome utente, selezionare This iDRAC (Questo iDRAC) nel menu a discesa.

 

4. Cliccare su OK oppure premere .



Uso di vFlash

La scheda di memoria Dell vFlash fornisce funzionalità aggiuntive ai clienti che dispongono già di una scheda iDRAC6 Enterprise. La scheda di memoria Dell vFlash è una scheda SD da 8 GB con marchio Dell che si inserisce nella scheda figlia iDRAC6 Enterprise. In questo white paper viene descritto come configurare l'utilizzo di vFlash. Utilizzo di Dell™ vFlash


 

 

Torna all'inizio


 

2. Lifecycle Controller: informazioni e configurazione

 

Dell Lifecycle Controller semplifica la gestione del ciclo di vita dei server locali e remoti, dalle operazioni di provisioning, installazione, applicazione di patch e aggiornamento fino a quelle di assistenza e personalizzazione utente.

Viene fornito come componente integrato di Dell Remote Access Controller o iDRAC (Express, Enterprise e vFlash) a partire dai server Dell PowerEdge 11G.

Ulteriori informazioni su Dell Lifecycle Controller sono disponibili qui: Lifecycle Controller.

 

Lifecycle Controller riduce il tempo e il numero di passaggi necessari per lo svolgimento delle attività, diminuisce le possibilità di errore, migliora il tempo di attività e la sicurezza dei server e delle applicazioni, consentendo una gestione IT più efficiente.

Sviluppato sulla piattaforma UEFI (Unified Extensible Firmware Interface) e le interfacce WSMan (Web Services for Management) standard del settore, Lifecycle Controller fornisce un ambiente aperto per l'integrazione della console, che consente anche la creazione di script personalizzati per Lifecycle Controller.

 

Le console leader per la gestione dei sistemi (ad esempio Microsoft® System Center Configuration Manager, BMC Software BladeLogic® Operations Manager, Symantec™ Deployment Solution, Dell™ Management Console) integrano Dell Lifecycle Controller, pertanto forniscono le sue funzionalità e capacità alle infrastrutture esistenti in cui sono installate.



 

Torna all'inizio

 



Need more help?
Find additional PowerEdge and PowerVault articles

Visit and ask for support in our Communities

Create an online support Request


Il contenuto dei suggerimenti viene pubblicato autonomamente dai tecnici dell'assistenza Dell che risolvono problemi quotidianamente. Per velocizzare la pubblicazione, i suggerimenti possono costituire soluzioni parziali o soluzioni alternative in corso di sviluppo o la cui efficacia è in attesa di essere verificata. In quanto tali, i suggerimenti non vengono rivisti, convalidati o approvati da Dell e devono essere utilizzati con la necessaria cautela. Dell non sarà responsabile per alcuna perdita, inclusa, in via esemplificativa, la perdita di dati, di profitti o di ricavi verificatasi in seguito all'applicazione di una procedura o di un suggerimento da parte dell'utente.

ID articolo: SLN85572

Data ultima modifica: 30/08/2018 10:19


Valuta questo articolo

Preciso
Utile
Facile da comprendere
Questo articolo ti è stato d'aiuto?
No
Inviaci un feedback
I commenti non possono contenere i seguenti caratteri speciali: <>() \
Spiacenti, il sistema di feedback al momento non è attivo. Riprova più tardi.

Grazie per il tuo feedback.