Guida alle funzioni video ibride sui PC Dell con un sistema operativo Ubuntu

Summary: In questo articolo vengono fornite informazioni sulla scheda video ibrida dei PC Dell con sistema operativo Ubuntu.

Article Content


Symptoms

Sommario:

  1. Introduzione
  2. Problemi video più comuni e relative soluzioni
  3. Come trovare e installare i driver corretti
  4. Configurare e utilizzare la scheda grafica ibrida

Introduzione

 

Questo articolo illustra le differenze tra scheda grafica dedicata e scheda video e il significato dei driver proprietari e dei driver open source per l'uscita video. L'articolo interessa i PC Dell con sistema operativo Ubuntu e vengono affrontati i problemi video più comuni che possono verificarsi nel corso del tempo. Si tratta in pratica sia di una guida di riferimento sia di una guida alla risoluzione dei problemi.

Tenere presente che Dell fornisce supporto per l'hardware inviato con l'unità e per la reinstallazione o il ripristino del sistema operativo fornito con l'unità. Ci auguriamo che le informazioni riportate siano utili.

Scheda grafica ibrida:

La maggior parte dei sistemi notebook e AIO (all-in-one) possono eseguire due GPU sulla scheda madre. La prima è la GPU integrata e fa parte della CPU integrata, mentre l'altra viene detta GPU dedicata. La GPU dedicata è un'opzione aggiuntiva ed è sempre dotata di maggiore potenza rispetto alla GPU integrata. Se dotato di un MUX hardware, il sistema è in grado di passare da una GPU all'altra.

Schede video:

Sebbene una scheda video aggiuntiva sia dal punto di vista tecnico una seconda GPU aggiunta alla GPU integrata, non è inclusa nella scheda grafica ibrida. Nella maggior parte delle impostazioni del BIOS desktop, quando viene rilevata una scheda video aggiuntiva, viene rilevata dalla GPU integrata.


Torna all'inizio


Cause

Problemi video più comuni e relative soluzioni

 

  SLN298475_en_US__2icon Nota: Nota: Dell supporta solo l'hardware inviato con il PC e la versione installata in fabbrica del sistema operativo Ubuntu. Se l'hardware non presenta guasti e reinstallando il sistema operativo dalla partizione di ripristino il problema persiste, l'utente potrebbe essere invitato a contattare Canonical per ulteriore supporto per il software. Se l'hardware in questione è un dispositivo di terze parti, potrebbe essere necessario contattare il produttore per ulteriore assistenza. Se si è alla ricerca di uno specifico driver non comunemente disponibile, potrebbe essere necessario rivolgersi ai forum della community Ubuntu fornendo le informazioni sull'hardware per ricevere ulteriore supporto. Nella sezione qui sotto vengono forniti alcuni passaggi di risoluzione dei problemi, da utilizzare comunque a proprio rischio.

Nessuna immagine video (ad es. non appare nulla sullo schermo)

Il problema si verifica all'esterno del sistema operativo Ubuntu?

  1. Se il problema si verifica all'esterno del sistema operativo, consultare l'articolo relativo a uno schermo esterno o l'articolo relativo a uno schermo interno.

  2. Se il problema non si verifica all'esterno del sistema operativo:

    1. Nel menu del bootloader Grub, selezionare boot your computer into recovery mode (avvia il computer in modalità di ripristino).

    2. Scegliere resume normal boot (riattiva avvio normale) dal menu di ripristino (in questo modo verrà tentato un avvio normale con le impostazioni video di sicurezza).

    3. Se l'avvio normale non risolve il problema, è possibile tornare in modalità di ripristino e selezionare l'opzione run in failsafe graphic mode.

    4. Se ancora non è presente alcuna immagine video, si può tentare una reinstallazione del sistema operativo o passare al prompt dei comandi della shell root se si dispone dell'esperienza necessaria o di una guida per la risoluzione dei problemi mediante Terminale.

Immagine video distorta (ad es. qualcosa appare sullo schermo, ma non correttamente)

Il problema si verifica all'esterno del sistema operativo Ubuntu?

  1. Se il problema si verifica all'esterno del sistema operativo, consultare l'articolo relativo a uno schermo esterno o l'articolo relativo a uno schermo interno.

  2. Se il problema non si verifica all'esterno del sistema operativo:

    1. La risoluzione dei problemi di prestazioni e di stabilità video può essere agevolata disabilitando gli effetti visivi (questa operazione implica il passaggio all'ambiente desktop 2D).

    2. Aprire un Terminale (CTRL + ALT + T) e installare compiz settings manager:

      sudo apt-get install compizconfig-settings-manager

    3. Nel Dash di Ubuntu, cercare compiz settings manager, aprire l'applicazione e disabilitare o deselezionare:

      • Effetti > Animazioni, Finestre in dissolvenza, Finestre in dissolvenza, Decorazione finestra

    4. Se l'immagine video è ancora distorta, si può tentare una reinstallazione del sistema operativo per risolvere il problema.

Problemi di risoluzione (ad es. la schermata è troppo grande o troppo piccola)

La risoluzione predefinita per Ubuntu 14.04 è 640x480 minimo e 1024x768 massimo.

Se si utilizza la GPU video predefinita e si vede solo la risoluzione minima 640x480, si consiglia di eseguire Xdiagnose e selezionare tutte le 3 opzioni di debug. In questo modo lo schermo viene ripristinato sul valore superiore predefinito 1024x768.

Per ottenere risoluzioni superiori a 1024x768, è necessario utilizzare il comando xrandr nel Terminale per aggiungere una nuova modalità con la nuova risoluzione (questa modifica non viene conservata dopo il riavvio del sistema).

Gli utenti Ubuntu esperti che desiderano conservare le modifiche dopo il riavvio È possibile cercare di aggiungere i xrandr newmodeaddmode comandi e in /etc/gdm/init/default prima di " initctl ... "

Il codice dovrebbe essere simile al seguente:

xrandr --newmode "1280x1024_60_new" 138.54 1280 1368 1504 1728 1024 1025 1028 1069 -HSynch +V
xrandr --addmode VGA-0 1280x1024_60_new

Problemi di impostazioni (ad esempio di luminosità)

(i) Luminosità nelle schede video Intel

  SLN298475_en_US__2icon Nota: Nota: questo metodo vale per i sistemi con una sola GPU. Esaminare gli altri metodi per le schede grafiche ibride.

Se i tasti di scelta rapida Fn per regolare la luminosità non funzionano o se si desidera un controllo maggiore rispetto a quello offerto, sono disponibili alcune applet che una volta installate forniscono una GUI (interfaccia grafica utente) con varie impostazioni per il display. Per gli utenti Ubuntu esperti, alcuni comandi da Terminale, ad esempio gksu e leafpad, consentono di creare un file per risolvere i problemi dei tasti di scelta rapida Fn.

(ii) Utilizzo di un parametro Grub per modificare la luminosità

Sempre per gli utenti esperti, l'aggiunta di un parametro Grub potrebbe essere risolutiva. È necessario che siano installati gksu e leafpad e che tali comandi siano eseguiti come amministratore con il controllo sudo. Sostituire la riga esistente GRUB_CMDLINE_LINUX="" con la nuova riga GRUB_CMDLINE_LINUX="acpi_osi=Linux" nel file di testo Grub e quindi aggiornarlo in Terminale. Se i tasti di luminosità sulla tastiera ancora non funzionano, si può sostituire GRUB_CMDLINE_LINUX="acpi_osi=Linux" con GRUB_CMDLINE_LINUX="acpi_backlight=vendor" e riprovare. Se i problemi persistono, provare il metodo successivo.

(iii) Utilizzo di xbacklight per modificare la luminosità

La prima operazione è quella di installare xbacklight se non esiste già nel sistema. Creare un'applicazione di avvio chiamata brightness, cercando le applicazioni di avvio e cliccando su Aggiungi. Fornire alla nuova applicazione il comando riportato di seguito e riavviare il sistema. Se non funziona, provare il metodo successivo.

xbacklight -set 70

 
  SLN298475_en_US__2icon Nota: Nota: è possibile utilizzare impostazioni diverse da 70, ma occorre fare degli esperimenti per individuare l'impostazione più idonea. Tenere tuttavia presente che è necessario effettuare l'accesso affinché il comando abbia effetto e, se non si riesce ad accedere, potrebbero esserci dei problemi.

(iv) Utilizzo di setpci per modificare la luminosità

  1. La prima operazione è aprire la finestra di un Terminale e identificare il tipo esatto di scheda in uso e il BusID. (Il occupato ha cinque (5) cifre 00: 00,0, prendere nota.)

    Ispci | grep -i vga

  2. Combinare il BusID con i due comandi seguenti per ridurre e aumentare la luminosità dello schermo (è necessario eseguire alcuni tentativi per individuare l'impostazione più idonea).

    sudo setpci -s 00:00.0 F4.B=50
    sudo setpci -s 00:00.0 F4.B=90

  3. Affinché questa modifica persista dopo il riavvio, occorre che siano installati gksu e leafpad. Aprire il file /etc/re.local in Leafpad e aggiungere questa riga setpci -s 00:00.0 F4.B=50 sopra la riga esistente che indica l' uscita 0:

Se i problemi persistono, il metodo successivo è l'ultima risorsa ed è destinata solo agli utenti esperti di Ubuntu.

(iv) Utilizzo di xrandr per modificare la luminosità

Per influire sulla luminosità, è anche possibile utilizzare xrandr. Si consiglia di essere sicuri dell'hardware in uso nel proprio computer e di affidarsi a una guida attendibile prima di eseguire eccessive operazioni in Terminale con il comando sudo.

Ventole operative alla massima velocità

La ventola della scheda grafica funziona alla massima velocità? È possibile creare uno script con il seguente comando, da eseguire prima dell'arresto:

echo ON > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Blocco dopo sospensione o riattivazione

Se la scheda dedicata inutilizzata è stata disattivata e il notebook si blocca dopo aver sospeso e quindi tentato di riattivare il sistema, È possibile creare un nuovo file chiamato 11_switcheroo_suspend in /etc/pm/sleep.d e assicurarsi che il file sia eseguibile:

#!/bin/bash

PATH=/bin:/usr/bin

switchfile=/sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

[[ -n "$1"&& -f "$switchfile" ]] || exit 1

retval=0

case "$1" in
hibernate|suspend)
echo ON > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch
retval=$?
;;
resume|thaw)
echo OFF > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch
retval=$?
;;
*)
[ -x /bin/logger ] && /bin/logger -i -t switcheroo_suspend -p user.info "Unknown mode: $1"
=$?
;;
esac

exit $retval

GPU predefinita

A seconda della GPU utilizzata all'avvio, potrebbe verificarsi un problema per cui si rende necessario collegare il sistema alla presa di corrente.


Torna all'inizio


Resolution

Come trovare e installare i driver corretti

 

Driver proprietari:

Si tratta di un altro termine per driver binari, ovvero driver closed source forniti dai produttori dell'hardware della GPU secondaria. Alcuni dispositivi hardware potrebbero richiedere questo tipo di driver per funzionare in modo completo e corretto. Purtroppo non c'è modo per gli sviluppatori di agire su questo tipo di driver e risolvere eventuali errori rilevati.

Driver open source:

La community di Linux crea driver open source per poter essere utilizzati con alcune GPU. Vengono principalmente utilizzati con le GPU per le quali il produttore non fornisce le versioni per Linux e non è disponibile alcun driver proprietario. Il vantaggio dei driver open source è che sono supportati dalla community e gli errori vengono in genere corretti su base regolare. Lo svantaggio è che non supportano completamente tutte le funzionalità di ogni GPU.

La prima cosa da fare è identificare correttamente l'hardware in uso.

È possibile determinare la marca e il modello utilizzando il seguente comando nel Terminale:

lspci | grep VGA

È possibile ottenere informazioni più dettagliate eseguendo:

sudo lshw -C video

Per un elenco dell'hardware supportato, consultare il seguente articolo:

Esistono due modi per installare un driver proprietario in Ubuntu:

  1. Il primo modo è tramite la finestra Hardware Manager della GUI (interfaccia grafica utente).

    1. Aprire Software Center e passare a Modifica.

    2. Selezionare Driver aggiuntivi.

    3. Viene eseguito un controllo dei driver già installati e viene scaricato un elenco di tutti gli altri driver proprietari disponibili e degli eventuali aggiornamenti.

    4. È possibile abilitare o disabilitare un driver. Se sono disponibili più versioni, è consigliabile utilizzare la più recente per l'hardware in uso, poiché offre la più alta probabilità di funzionamento e contiene le ultime correzioni di eventuali problemi.

  2. Il secondo modo è tramite la CLI (interfaccia a riga di comando).

    1. Aprire una finestra del terminale (CTRL + ALT + T).

    2. Nell'esempio che segue sono mostrati i comandi per Nvidia:

      sudo add-apt-repository ppa:ubuntu-x-swat/x-updates
      sudo apt-get update
      sudo apt-get install Nvidia-current

Sono disponibili vari driver open source a copertura dell'hardware di alcuni produttori.

Di seguito sono elencati alcuni programmi correnti:

VESA

È il driver predefinito e supporta la maggior parte delle schede senza accelerazione. Dispone di un set limitato di possibili risoluzioni.

xorg-video-intel

È il driver open source più recente per il supporto delle schede grafiche Intel

radeon

Si tratta di un altro driver AMD Radeon per il supporto delle funzioni 3D ed è costituito da radeon, r200, r300g, r600g e radeonsi.

nouveau

Questo driver è interamente basato sulle informazioni ottenute tramite backward engineering per i dispositivi di Nvidia.

tegra-re

Anche questo driver è interamente basato sulle informazioni ottenute tramite backward engineering per i dispositivi Nvidia Tegra.

Matrox

Questa società ha fornito i driver open source per tutti le schede antecedenti alla G550; per le schede successive alla G550 viene utilizzato un driver closed source.

openChrome

Supporta la GPU S3 Chrome; tutti gli altri prodotti S3 sono closed source.

lima

Questo driver è dotato di supporto integrato per la GPU ARM Mali.

etna_viv e BLTsville

Questi driver supportano le serie Vivante GC400, GC800 e GC1000.

freedreno

Supporta la GPU Qualcomm serie Adreno.

videocoreiv

È stato un tentativo per supportare le GPU serie Videocore, ma Broadcom, azienda produttrice di tale serie, ha rilasciato il codice sorgente per il core grafico IV in occasione del secondo anniversario della Broadcom Raspberry Pi.


Torna all'inizio


Configurare e utilizzare la scheda grafica ibrida

 

Abilitazione di vga_switcheroo

vga_switcheroo consente di passare da una GPU all'altra se il sistema dispone di un MUX hardware.

  SLN298475_en_US__2icon Nota: Nota: questo metodo non supporta tutti i tipi di sistemi. Funziona solo se si utilizza un driver open source (Nouveau, Radeon) e non proprietario (NVIDIA, fglrx).

Per verificare se il kernel è compilato con l'opzione corretta, è possibile esaminare il file config-2.6.nn-mm-generic nella directory /boot:

grep -i switcheroo /boot/config-*

Il meccanismo vga_switcheroo funziona quando il kernel viene avviato con l'opzione kernel modeset=1 e/o con l'opzione nomodeset assente. Per verificare se vga_switcheroo è abilitato, cercare il file di switch:

ls -l /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Utilizzo di vga_switcheroo

Se vga_switcheroo è disponibile, è possibile passare da una GPU all'altra. Poiché la presenza di questo file non vuol dire che il computer sia supportato, potrebbero verificarsi possibili errori e blocchi del sistema.

Utilizzare questo comando per attivare la GPU scollegata, ma senza passare da un'uscita all'altra:

echo ON > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Questo comando collega la scheda grafica integrata con le uscite:

echo IGD > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Questo comando collega la scheda grafica dedicata con le uscite:

echo DIS > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Questo comando disattiva la scheda grafica scollegata:

echo OFF > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

Questo comando consente di verificare lo stato corrente della scheda grafica ibrida. Saranno generalmente presenti due righe di output: una dovrebbe indicare Pwr, l'altra Off:

cat /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

 

  SLN298475_en_US__2icon Nota: per disattivare una delle GPU ed eseguire solo l'altra, cercare le guide relative un meccanismo del kernel come Bumblebee. Come ultima risorsa, è possibile tentare il comando acpi_call, ma è sconsigliabile se non si è un utente Ubuntu esperto.

 


Torna all'inizio


Additional Information
Il supporto software per Canonical viene fornito nei seguenti modi:
Il supporto tecnico è fornito da Dell:


Torna all'inizio


Article Properties


Affected Product

Inspiron, Latitude, Vostro, XPS, Fixed Workstations

Last Published Date

21 Feb 2021

Version

7

Article Type

Solution

Rate This Article


Accurate
Useful
Easy to Understand
Was this article helpful?

0/3000 characters