メイン コンテンツに進む
  • すばやく簡単にご注文が可能
  • 注文内容の表示、配送状況をトラック
  • 会員限定の特典や割引のご利用
  • 製品リストの作成とアクセスが可能
  • 「Company Administration(会社情報の管理)」では、お使いのDell EMCのサイトや製品、製品レベルでのコンタクト先に関する情報を管理できます。

Che cos'è Dell Display Manager

概要: Informazioni sulle funzioni del software Dell Display Manager (DDM). Informazioni su come installare DDM per i monitor Dell e gestire le esigenze di visualizzazione. Istruzioni su come impostare la risoluzione, la luminosità, l'ancoraggio di più applicazioni, la condivisione di tastiera, video e mouse e molto altro ancora. ...

この記事は自動翻訳されたものである可能性があります。品質に関するフィードバックがある場合は、このページの下部にあるフォームを使用してお知らせください。

文書の内容


手順

Prodotti interessati:

  • Dell Display Manager

Dell Display Manager (DDM) migliora la produttività quotidiana grazie a strumenti completi di gestione che offrono esperienza di visualizzazione ottimale, gestione efficiente del display e semplificazione delle attività multitasking.

NOTA: Dell Display Manager è un software per monitor Dell e non è compatibile con i display di notebook.

Sommario

  1. Come scaricare Dell Display Manager (DDM)
  2. Collegamento del monitor
  3. Funzioni di Dell Display Manager
  4. Interfaccia della riga di comando per la gestione remota di Dell Display Manager
  5. Aggiornamento remoto del firmware per Dell Display Manager
  6. Modelli di display (monitor) Dell supportati da Dell Display Manager
  7. Domande frequenti
NOTA: alcune funzioni dipendono dall'hardware. Consultare la guida utente del monitor per informazioni sulle funzioni disponibili.
NOTA: Le schermate mostrate in questo documento sono a solo scopo illustrativo. Il monitor potrebbe non supportare alcune funzioni.

Come scaricare Dell Display Manager

Vedere l'elenco dei monitor Dell che supportano Dell Display Manager. Si consiglia di scaricare e utilizzare Dell Display Manager 2.x se il monitor lo supporta.

In una configurazione con più monitor è possibile installare contemporaneamente DDM 1.x e DDM 2.x su un computer. Tuttavia, se tutti i monitor supportano DDM 2.x, si consiglia di disinstallare DDM 1.x e utilizzare solo DDM 2.x.

Per scaricare e installare Dell Display Manager per il monitor Dell in uso:

  1. Passare alla pagina Dell Display Manager.

  2. Cliccare sul pulsante Scarica accanto a Dell Display Manager Application.

  3. Consultare l'elenco dei monitor Dell che supportano Dell Display Manager per trovare la versione supportata di Dell Display Manager.

  4. Mediante Esplora risorse di Windows passare alla posizione in cui è stato salvato il file scaricato.

  5. Cliccare due volte sul file .exe di installazione del driver scaricato e seguire le istruzioni visualizzate per completare il processo di installazione.

  6. Al termine dell'installazione, riavviare il sistema.

In alternativa, è possibile scaricare il software dal sito https://www.dell.com/support/ddm.

Torna all'inizio


Collegamento del monitor

Collegare il monitor al computer come descritto nella guida utente del monitor.

Immagine per il collegamento del monitor a un computer desktop

Figura 1. Collegamento del monitor a un desktop

Immagine per il collegamento del monitor a un notebook

Figura 2. Collegamento del monitor a un notebook

NOTA: i diagrammi di connettività sono solo a scopo illustrativo. Per le informazioni complete, consultare la guida utente del monitor.

Avvio di Dell Display Manager

Prima di avviare Dell Display Manager, accedere a Others nel menu On-Screen Display (OSD) del monitor e verificare che la funzione DDC/CI sia abilitata.

L'immagine mostra come abilitare DDC/CI nel menu OSD del monitor Dell prima di utilizzare DDM 2.0

Figura 3. Abilitazione di DDC/CI nel menu OSD del monitor Dell prima di utilizzare DDM 2.x

Torna all'inizio


Funzioni di Dell Display Manager

Selezionare la versione di Dell Display Manager per maggiori dettagli.

Demo di Dell Display Manager 2.x

NOTA: alcune funzioni si basano sulle funzionalità specifiche dei monitor Dell.

Dell Display Manager 2.x

Durata: 09:01

Laddove disponibile, è possibile scegliere le impostazioni della lingua dei sottotitoli utilizzando l'icona delle impostazioni o CC su questo lettore video.


Funzioni di Dell Display Manager 2.x

Questa sezione contiene brevi informazioni sulle funzioni di DDM 2.x. Per un elenco completo delle funzioni e ulteriori dettagli, consultare la guida utente di DDM 2.x nella pagina della documentazione di Dell Display Manager 2.x.

NOTA: alcune funzioni potrebbero non essere applicabili al modello di monitor in uso. Consultare la guida utente del monitor per informazioni sulle funzioni disponibili.

Display

Il menu Display fornisce un'unica finestra per personalizzare le impostazioni relative al display del monitor, come risoluzione, frequenza di refresh, orientamento e Smart HDR.
Menu Display di Dell Display and Peripheral Manager
Figura 4: Menu Display di Dell Display Manager


Brightness and Contrast

Questo menu consente di regolare manualmente e automaticamente le impostazioni di luminosità o contrasto del monitor in base all'ora pianificata.
Modalità Manual per Brightness o Contrast in Dell Display and Peripheral Manager
Figura 5: Modalità Manual per Brightness o Contrast
Modalità Schedule per Brightness o Contrast in Dell Display and Peripheral Manager
Figura 6: Modalità Schedule per Brightness o Contrast
Pianificazione dell'orario per le impostazioni di Brightness o Contrast in modalità Schedule in Dell Display e Peripheral Manager
Figura 7: Pianificazione dell'orario per le impostazioni di Brightness o Contrast in modalità Schedule
I monitor con sensore di luminosità ambientale possono utilizzare la modalità Auto per regolare automaticamente la luminosità e la temperatura del colore in base alle condizioni di illuminazione circostante. È possibile scegliere di definire l'intervallo di luminosità in base alle proprie preferenze
Modalità Auto per Brightness o Contrast in Dell Display and Peripheral Manager
Figura 8: Modalità Auto per Brightness o Contrast


Easy Arrange

Il menu Easy Arrange semplifica l'organizzazione delle finestre delle applicazioni sul monitor. Per utilizzarlo:

  • Selezionare uno dei layout predefiniti per suddividere virtualmente lo schermo in più aree.
  • Trascinare l'applicazione nella zona selezionata per posizionarla nella zona. L'applicazione viene ancorata all'area selezionata.

Layout di Easy Arrange

Figura 9. Layout di Easy Arrange

È anche possibile creare layout personalizzati. Posizionare il puntatore del mouse sul layout desiderato e cliccare sull'icona a forma di penna una volta visualizzata. Cliccare e trascinare la linea della partizione fino a quando il layout non viene personalizzato in base alle proprie preferenze. È inoltre possibile salvare i layout personalizzati e utilizzarli in futuro.

Impostazioni di Easy Arrange per configurare le preferenze personali

Figura 10. Layout personalizzato


Easy Memory

Questa funzione consente di assegnare applicazioni o persino file alle partizioni di EasyArrange. È possibile salvare il layout per creare un profilo e quindi ripristinare il profilo.

Assegnazione di applicazioni o documenti alle finestre

Figura 11. Assegnazione di applicazioni o documenti alle finestre

È anche possibile assegnare il momento in cui si desidera avviare il profilo. EasyArrange Memory avvia automaticamente le applicazioni nel layout definito all'ora specificata.

Opzione di avvio

Figura 12. Opzione di avvio

NOTA: l'usabilità di Easy Arrange Memory può variare in base al tipo di applicazione e al comportamento di avvio. Easy Memory è compatibile con le applicazioni generali per la produttività, come Microsoft Office, Adobe, web browser e altro ancora.

Easy Memory potrebbe non essere in grado di eseguire una partizione della finestra al momento dell'avvio se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • L'app visualizza una finestra di dialogo aperta all'avvio (ossia schermata di accesso, finestra di dialogo di errore o file non salvati)
  • L'app viene avviata in modalità a schermo intero
  • I file vengono aperti come singole schede all'interno dell'app
  • Layout di EasyArrange sovrapposti

Impostazioni di Easy Arrange per configurare le preferenze personali

Figura 13. Impostazioni di Easy Arrange per configurare le preferenze personali


Application Windows Snap

Application Windows Snap consente di posizionare rapidamente un programma su qualsiasi schermata. Se questa opzione è abilitata in Dell Display Manager 2.x, trascinando la finestra dell'applicazione viene attivato un menu mobile contenente i layout EasyArrange utilizzati di recente. È possibile rilasciare l'applicazione su uno qualsiasi dei layout elencati per eseguire il posizionamento della finestra.

Abilitazione di Application Windows Snap dall'icona DDM sulla barra di stato

Figura 14: Abilitazione o disabilitazione di Application Windows Snap dall'icona DDM sulla barra di stato

NOTA: è possibile disabilitare la funzione Windows Snap se si desidera utilizzare l'estensione su più monitor.

Torna all'inizio


Impostazioni di Gaming

È possibile configurare il menu Gaming disponibile solo sui monitor Alienware e Dell Gaming. Per ulteriori informazioni, consultare la guida utente di DDM 2.x.

Menu di Gaming - Impostazioni di General

Figura 15. Menu di Gaming - Impostazioni di General

Menu di Gaming - Impostazioni di Vision engine

Figura 16. Menu di Gaming - Impostazioni di Vision engine

NOTA: Vision engine è disponibile solo su alcuni monitor Dell Gaming.

Tastiera, video, mouse (KVM)

USB KVM

Questa funzione consente la condivisione di tastiera e mouse tra più computer. È possibile configurare lo switch KVM con la procedura guidata USB KVM.

La funzione KVM è disponibile quando i monitor collegati supportano la funzionalità KVM. DDM 2.x comunica con il monitor anche quando questo visualizza video di un altro computer.

USB KVM Settings

Figura 17. USB KVM Settings

Per informazioni su come configurare KVM, consultare la sezione Configurazione di KVM della guida utente disponibile in Dell Display Manager 2.x | Manuali e documentazione.

KVM di rete

Questa funzione consente la condivisione di una tastiera e di un mouse durante il trasferimento di un file tra dispositivi client in un cluster. La condivisione dei file è supportata anche tra i sistemi operativi. (ad esempio, Da Windows a macOS e viceversa)

Impostazioni KVM di rete
Figura 18. Impostazioni KVM di rete

Il cluster è costituito da dispositivo client e monitor. A un cluster è possibile aggiungere un massimo di quattro dispositivi client. È possibile configurare il cluster in tre modi diversi:

Schermo multiplo
Figura 19. Più display

Display singolo (PBP attivato)
Figura 20. Display singolo (PBP attivato)

Display singolo (PBP disattivato)
Figura 21. Display singolo (PBP disattivato)

Nota:
  • La disponibilità delle funzioni KVM di rete dipende dalla policy di rete stabilita dall'azienda o dal reparto IT. Questa funzione richiede l'apertura dell'elenco di controllo degli accessi (ACL) per il controllo del traffico in entrata e in uscita dalla rete.
  • KVM di rete è modulare (opzionale per l'installazione). Non viene installato per impostazione predefinita e gli utenti possono scegliere di non installarlo durante il download del software e utilizzare altre funzioni di Dell Display Manager. Se gli utenti desiderano installare Network KVM in un secondo momento, è necessaria una nuova installazione della versione 2.3 e successive.
  • È possibile che si verifichino ritardi nella risposta dei computer remoti su KVM di rete a causa delle limitazioni di latenza di rete.
  • Alcune combinazioni di tasti, tasti funzione, tasti specializzati e tasti della barra touch non sono supportati per il controllo di computer remoti. Durante la condivisione degli Appunti in un cluster, Taglia e incolla non è supportato sui computer remoti.
  • Il cluster stabilito potrebbe non riprendere la connessione dopo la riattivazione di KVM di rete dallo stato spento, dopo la riattivazione del computer principale dalla sospensione o dopo la connessione a un monitor supportato. In questo caso, è possibile cambiare manualmente il cluster dall'elenco a discesa oppure connettere manualmente il computer offline dalla pagina principale KVM di rete.
  • Dell Display Manager garantisce la condivisione sicura di contenuti e file tra computer con crittografia end-to-end. Tuttavia, non funziona come software antimalware, non fornendo alcuna scansione o protezione contro file dannosi durante i trasferimenti. Si consiglia di installare l'antimalware o altri strumenti di sicurezza prima di utilizzare File and Content Transfer in Network KVM. Se si preferisce non condividere i file tra i computer, è possibile accedere a KVM Settings e utilizzare Manage Cluster per disattivare questa funzione.
  • Se il cluster contiene una combinazione di dispositivi Windows e Mac, collegare tastiera e mouse al Mac, se possibile, in quanto non è possibile accedere al dispositivo Mac remoto.
  • Non è consigliabile attivare sia Apple Universal Control che Network KVM in quanto potrebbero causare confusione.
  • 9. Per ulteriori informazioni sull'installazione, consultare la sezione Configurazione del KVM di rete della guida utente disponibile all'indirizzo: Dell Display Manager 2.x

Definizione delle priorità USB-C

Gli utenti possono selezionare l'opzione di priorità High Data Speed o High Resolution through USB-C prioritization disponibile in Advanced settings del menu Display.

Fare clic su Advanced (Avanzate)
Figura 22. Fare clic su Advanced (Avanzate)

Definizione delle priorità USB-C
Figura 23. Definizione delle priorità USB-C

Audio Menu

I profili audio possono essere personalizzati dal menu audio.

Profili audio
Figura 24. Profili audio


Aggiornamenti firmware e software

Con DDM 2.x è possibile ricevere una notifica automatica per i nuovi aggiornamenti su firmware e software del monitor.

Aggiornamenti firmware e software DDM 2.0

Figura 25. Aggiornamenti firmware e software


Color management

DDM 2.x consente di sincronizzare lo spazio colore del monitor con il profilo International Color Consortium (ICC) associato.

DDM 2.x - Color management

Figura 26. Color management


Gestione e controllo remoti (solo per responsabili IT)

DDM 2.1 include comandi CLI per i seguenti elementi:

  1. Gestione degli asset: esecuzione di query sui registri di inventario del monitor

  2. Informazioni sul display e controllo del monitor: esecuzione di query sulle impostazioni correnti del monitor e per configurazione le impostazioni di base del monitor, come luminosità, preimpostazione dei colori, volume, risoluzione e altro ancora.

  3. Impostazioni di esportazione e importazione: il comando Export Settings scrive tutte le impostazioni DDM per tutti i monitor attivi nel file designato. Il comando Import Settings legge tutte le impostazioni registrate nel nome file designato e le assegna ad altri monitor dello stesso modello.

  4. Aggiornamenti del firmware: implementa gli aggiornamenti del firmware in una flotta.

NOTA: per un elenco completo delle caratteristiche e delle funzioni supportate, consultare la guida utente di DDM 2.x nella pagina della documentazione del monitor Dell in uso.

Demo di Dell Display Manager 1.x

NOTA: alcune funzioni si basano sulle funzionalità specifiche dei monitor Dell.

Dell Display Manager 1.x

Durata: 07:06

Laddove disponibile, è possibile scegliere le impostazioni della lingua dei sottotitoli utilizzando l'icona delle impostazioni o CC su questo lettore video.


Funzioni di Dell Display Manager (1.x)

L'accesso alle funzioni di Dell Display Manager (DDM) e ai nuovi layout EasyArrange è più semplice che mai. Premere i tasti di scelta rapida preimpostati per visualizzare l'interfaccia utente di Dell Display Manager (DDM) dalla tastiera. È inoltre possibile passare in tutta facilità tra i vari modelli e layout EasyArrange preferiti.

Tabella 1. Tasti di scelta rapida per Dell Display Manager
Funzione Tasti di scelta rapida
Tasto di scelta rapida per abilitare l'interfaccia utente di Dell Display Manager (DDM). Ctrl + Maiusc + D
(personalizzabile dall'utente)
Passaggio tra i vari layout Easy Arrange. Pagina su o Pagina giù
o
cliccare sull'icona > per spostarsi tra i layout.
Accesso ai cinque layout più utilizzati di recente Ctrl + Maiusc + Home
(personalizzabile dall'utente)

Un modo più intuitivo per configurare le impostazioni del monitor. Trascinare il menu dell'interfaccia utente di Dell Display Manager da un monitor a un altro. In una configurazione a più monitor, consente di controllare e modificare le impostazioni dei monitor.

Schermata di configurazione delle impostazioni di Dell Display Manager

Figura 27. Schermata della schermata Configura impostazioni di Dell Display Manager

Più opzioni di personalizzazione per visualizzare i dati in base alle preferenze individuali. Gli utenti possono ora personalizzare fino a un massimo di 48 zone e assegnarle di conseguenza.

Schermata di personalizzazione delle zone in Dell Display Manager

Figura 28. Schermata della schermata di personalizzazione della zona in Dell Display Manager

Denominazione del layout dello schermo in Dell Display Manager

Figura 29. Schermata del Assegnare un nome al layout dello schermo in Dell Display Manager

Finestra popup di denominazione

Figura 30. Uno screenshot della casella di ridenominazione del layout personalizzato

È ora possibile visualizzare e utilizzare Dell Display Manager (DDM) in modalità verticale. I modelli EasyArrange di Dell Display Manager (DDM) passano automaticamente in modalità verticale quando l'orientamento del monitor è verticale.

Schermata della modalità verticale in Dell Display Manager

Figura 31. Schermata della schermata in modalità Ritratto in Dell Display Manager

Procedura guidata KVM per semplificare la configurazione KVM (tastiera, video, mouse). Attenersi alla guida dettagliata a finestre che si apre cliccando sull'icona KVM Wizard nell'interfaccia utente di Dell Display Manager (DDM). (disponibile su alcuni monitor Dell con funzionalità KVM).

Input manager in Dell Display Manager

Figura 32 Schermata di Input Manager in Dell Display Manager

Gestione e controllo remoti (solo per responsabili IT)

  • I responsabili IT possono inviare istruzioni specifiche utilizzando le righe di comando a Dell Display Manager (DDM) in modo da eseguire attività in orari specifici per un singolo monitor o per un intero parco
  • Funzionalità di controllo da remoto (includono funzionalità di spegnimento/accensione, ripristino delle impostazioni predefinite, modifica del pannello anteriore delle impostazioni schermo, risoluzione ottimale, modalità di visualizzazione, disattivazione dell'accesso al menu OSD, cambio della sorgente).
  • Funzionalità di gestione degli asset (include il monitoraggio dell'inventario degli asset del monitor e la creazione di report diagnostici sulle ore di utilizzo).

Multitasking semplificato

Fino a 38 layout: EasyArrange di Dell Display Manager consente di organizzare più applicazioni sullo schermo. È possibile ancorarle all'interno di un modello di propria scelta, semplificando il multitasking.

Modelli utilizzati di recente in Dell Display Manager

Figura 33. Schermata dei modelli utilizzati di recente in Dell Display Manager

La funzione Easy Arrange può essere utilizzata anche per personalizzare due monitor affiancati o ampliare lo spazio del desktop estendendo la visualizzazione su due monitor.

Doppio monitor in Dell Display Manager

Figura 34. Schermata di due monitor in Dell Display Manager

Vista della disposizione del doppio monitor in Dell Display Manager

Figura 35. Schermata della vista Arrange a dual monitor in Dell Display Manager.

Transizioni senza problemi: Ripristina rapidamente le finestre delle applicazioni precedenti quando ti riconnetti con il ripristino automatico, una funzione che ricorda il punto in cui l'avevi interrotta.

Icona di ripristino nell'area di notifica

Figura 36. Schermata dell'icona di ripristino nell'area di notifica

Auto-Restore window layout nel menu dell'area di notifica del sistema

Figura 37. Schermata del layout della finestra Auto restore nel menu della barra delle applicazioni

Input Manager:

  • Consente di passare con facilità da una sorgete all'altra.
  • È possibile assegnare un nome a ciascun input e definire un tasto di scelta rapida per accedere in modo rapido e facile a più dispositivi connessi, una funzione utile per programmatori e appassionati di videogiochi.

Utilizzo di più input in Dell Display Manager

Figura 38. Schermata dell'utilizzo di più input in Dell Display Manager


Esperienza di visualizzazione ottimale

Lavorare al meglio: è possibile regolare la luminosità, il contrasto e la risoluzione direttamente tramite il software per un'esperienza di visualizzazione ottimale.

Risoluzione ottimale dello schermo in Dell Display Manager

Figura 39. Risoluzione ottimale dello schermo in Dell Display Manager

Visione ottimizzata: la funzione Auto Mode consente di configurare con facilità le impostazioni di visualizzazione predefinite quando si lavora in multitasking.

Configurazione preimpostata per applicazione in Dell Display Manager

Figura 40: Configurazione preimpostata per applicazione in Dell Display Manager


Gestione efficiente

Creazione di report sugli asset: i responsabili IT possono salvare e documentare le informazioni sugli asset del monitor.

Creazione di report sugli asset

Figura 41. Creazione di report sugli asset

Per generare un report sugli asset monitor:

  1. Tenere premuto il tasto Maiusc e cliccare con il pulsante destro del mouse sull'icona Dell Display Manager nella barra delle applicazioni.

  2. Selezionare Save monitor asset report e salvare il file . file MIF.

  3. Dopo aver salvato il file, è possibile aprirlo utilizzando l'app Blocco note.

Ad esempio, il registro di C2722DE include le seguenti informazioni:

Name = "ModelName" - "Dell C2722DE"
Name = "SerialNumber" - "Service Tag-xxxxxxxxxx"
Name = "UsageTime" - Value = "xxx hours"
Name = "OptimalResolution" - Value = "2560x1440 at 60 Hz"

PowerNap: Manage energy consumption using power management settings.

Torna all'inizio


Interfaccia della riga di comando per la gestione remota di Dell Display Manager

Gli amministratori IT possono utilizzare i comandi dell'interfaccia della riga di comando (CLI) in questa sezione per gestire in remoto i monitor Dell.

NOTA:
  • Dell Display Manager 2.1 e versioni successive deve essere installato su tutti i computer utilizzando i comandi CLI. I comandi CLI possono essere utilizzati per l'installazione di massa.
  • Le funzioni di gestione avanzate, come il push degli aggiornamenti del firmware in remoto all'interno di una flotta, sono disponibili solo su determinati modelli. (inclusi i monitor Dell UltraSharp e Dell serie C).

Comandi utili della riga di comando per la gestione degli asset

La gestione degli asset include un elenco di comandi per supportare l'amministrazione generica dei monitor.

Consultare la tabella seguente per i vari comandi e una descrizione con un esempio di utilizzo associato. Nell'esempio viene utilizzato /Number, dove Number può essere 1, 2, 3 e così via). Viene sostituito con il numero del display enumerato dei client di destinazione. È possibile aggiungere l'output di tutti questi comandi in un unico registro.

Tabella 2. Comandi di gestione degli asset dei monitor
Comando Descrizione
Log [filename]

Genera i risultati dei comandi di lettura/scrittura in un file specificato in una directory esistente.

Esempio:

[Windows OS] Mkdir c:\temp
ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadAssetAttributes

Inventory [filename]

Crea un report di inventario e scrive l'output in un formato di file specificato (ad esempio .txt).

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /Inventory c:\temp\Inventory.txt

SaveDiagnosticReport [filename]

Scrive il registro di diagnostica DDM in un file di testo specificato nel percorso.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /SaveDiagnosticReport c:\temp\ddmdiag.log

ReadFirmwareVersion

Fornisce la versione del firmware come stringa (ad esempio, 'M2T109'). Se sono collegati più monitor, è possibile utilizzare il prefisso per eseguire una query su ciascuno dei monitor.

Esempio: due monitor collegati

[Windows OS] ddm.exe /Log C:\temp\fw.log /1:ReadFirmwareVersion /2:ReadFirmwareVersion

Risultati previsti

1:ReadFirmwareversion = M3T106

2:ReadFirmwareVersion = M3T102

ReadMonitorActiveHours

Tramite VCPC0, questo comando indica il numero di ore attive in cui è rimasto acceso il monitor.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /1:ReadMonitorActiveHours

ReadAssetAttributes

Fornisce una stringa delimitata da virgole. Contiene il PID, la stringa del modello, il numero di serie ASCII, la settimana ISO, l'anno di produzione e il valore VCPC0 (se il firmware lo supporta) o l'età in ore.

Lettura dal monitor 1, esempio:

[Windows OS] ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /1:ReadAssetAttributes

CountMonitorsCI

Questo comando restituisce il numero di monitor supportati da DDM.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /Log c:\temp\ddm.log /CountMonitorsCI

ReadCapabilities

Fornire una stringa di funzionalità MCCS.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /1:ReadCapabilities /2:ReadCapabilities

RestoreFactoryDefaults

Ripristina le impostazioni di fabbrica.

Esempio:

ddm.exe /RestoreFactoryDefaults

AutoSetup

Esegue una configurazione automatica (solo analogica)*. Eseguire la funzione di configurazione automatica (posizione O/V, orologio, fase dell'orologio, convertitore A/D e così via).

Esempio:

ddm.exe /3:AutoSetup

RestoreLevelDefaults

Ripristina le impostazioni predefinite dei livelli*. Ripristina le impostazioni predefinite di fabbrica per le regolazioni di luminosità/luminanza e contrasto.

Esempio:

ddm.exe /1:RestoreLevelDefaults

RestoreColorDefaults

Ripristina le impostazioni predefinite dei colori*.

Esempio:

ddm.exe /2:RestoreColorDefaults

ReadPossible [opcode]

Fornisce i valori del codice operativo VCP delimitati da virgole supportati dal firmware. D6 è il codice operativo VCP.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadPossible D6

ReadMax [opcode]

Fornisce il valore massimo supportato dal codice operativo continuo VCP (12).

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadMax 12

ReadControl [opcode]

Fornisce il valore esadecimale corrente dei codici operativi VCP.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadControl CC

WriteControl [opcode] [value]

Imposta il codice operativo VCP su un valore esadecimale.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /1:WriteControl CC 02

IncreaseControl [opcode] [value]

Aumenta il valore del controllo VCP come specificato dal comando.

Esempio:

ddm.exe /IncreaseControl 12 05

DecreaseControl [opcode] [value]

Riduce il valore del controllo VCP come specificato dal comando.

Esempio:

ddm.exe /DecreaseControl 10 10

WriteBrightnessLevel [x]

Imposta la luminosità su X% (0-100)*.

NOTA: Per la serie UP con luminanza, il livello di luminanza è il valore anziché la percentuale.

Esempio:

ddm.exe /WriteBrightnessLevel 75

ReadBrightnessLevel

Fornisce il livello di luminosità corrente.

NOTA: Per la serie UP con luminanza, il livello di luminanza riportato è il valore anziché la percentuale.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadBrightnessLevel

WriteContrastLevel [x]

Imposta il livello di contrasto su X% (0-100)*.

Esempio:

ddm.exe /WriteContrastLevel 70

ReadContrastLevel

Fornisce il livello di contrasto corrente.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /ReadContrastLevel

ReadColorPreset

Fornisce l'intuitiva impostazione predefinita del nome inglese.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /2:ReadColorPreset /1:ReadColorPreset

WriteColorPreset [Movie/CAL1,etc]

Modifica la modalità Preset supportata dai monitor. Se è stata attivata l'opzione "Auto Color Preset", è necessario disattivare Auto-ColorPreset prima di eseguire questo comando per modificare il valore preimpostato per il colore manuale.

Esempio:

ddm.exe /1: WriteColorPreset Standard /2: WriteColorPreset Movie /3: WriteColorPreset sRGB

AutoColorPreset [on/off]

Attiva o disattiva la funzione di impostazione del colore automatico.

Esempio:

ddm.exe / AutoColorPreset Off

WritePower [on/standby/off]

 

NOTA: dopo aver disattivato WritePower, il monitor potrebbe non reagire all'accensione (poiché il monitor potrebbe non rispondere alle richieste DDC/CI). Il controllo centrale deve utilizzare la funzione Standby impostata su On.

Esempio:

ddm.exe /WritePower Standby

WriteActiveInput [DVI2/HDMI/DP2,etc]

Passa da un input attivo all'altro.

Esempio:

[ddm.exe /1: WriteActiveInput HDMI2

ReadActiveInput

Fornire l'input attivo.

Esempio:

ddm.exe /Log c:\temp\ddm.txt /1: ReadActiveInput

SwapVideo

Scambia l'input principale e quello secondario (primario).

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /SwapVideo

SwapUSB

Scambia gli input USB sugli input secondari principali.

NOTA: Questo comando funziona solo in due modalità PBP.

Esempio:

ddm.exe /SwapUSB

WriteSubInput [DP1, DP2, HDMI1… etc]

Assegna input secondari.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /1:WriteSubInput DP2,HDMI1,HDMI2,mDP1

WritePxP [mode]

Imposta il monitor sulle modalità PIP o PBP (le modalità disponibili sono soggette ai modelli di monitor).

Possibili impostazioni: (ad esempio, Off, pip, pip-small, pip-large, pip-2h, pbp, split, pbp-2h, pbp-2h-fill, pbp-3a, pbp-3b, pbp-3c, pbp-3d, pbp-3e, pbp-4a, quad, pbp-4b, pbp-2h-37, pbp-2h-73, pbp-2h-28, pbp-2h-82, pbp-2h-2575, pbp-2h-7525, pbp-2h-2674, pbp-2h-7426, pbp-2h-3367, pbp-2h-6733 o pbp-2v.)

Esempio:

ddm.exe /1: WritePxP PiP-Small /2:WritePxP Off

WritePxpMode [mode main sub1 sub2]

Imposta il monitor sulle modalità PIP o PBP (le modalità disponibili sono soggette ai modelli di monitor) e la rispettiva origine di input.

Le impostazioni sono: (off, pip, pip-small, pip-large, pip-2h, pbp, split, pbp-2h, pbp-2h-fill, pbp-3a, pbp-3b, pbp-3c, pbp-3d, pbp-3e, pbp-4a, quad, pbp-4b, pbp-2h-37, pbp-2h-73, pbp-2h-28, pbp-2h-82, pbp-2h-2575, pbp-2h-7525, pbp-2h-2674, pbp-2h-7426, pbp-2h-3367, pbp-2h-6733, pbp-2v).

Esempio:

ddm.exe /WritePxPMode Quad DP1 USB-C HDMI2 DP2

Zoom

Passa dalla modalità PxP alla modalità a schermo intero e viceversa.

Esempio:

ddm.exe /Zoom

WriteOSDLanguage [language]

Imposta la lingua OSD. Il firmware Dell supporta le lingue inglese, francese, tedesco, giapponese, portoghese, russo, spagnolo e cinese semplificato.

Esempio:

ddm.exe /WriteOSDLanguage French

OSD [lock/unlock]

Blocca o sblocca l'accesso al menu OSD.

Esempio:

ddm.exe /2:OSD Unlock

Rescan

Ripete la scansione e individua i monitor se l'applicazione DDM o DDPM non è in grado di rilevarli.

Esempio:

ddm.exe /Rescan

WriteOptimalResolution

Imposta la risoluzione ottimale del display.

Esempio:

ddm.exe /1:WriteOptimalResolution

WriteEALayout [x]

Imposta il tipo di griglia EasyArrange sul valore X (X = 0-48), dove 0 indica che il layout EA è disattivato.

Esempio:

ddm.exe /1: WriteEALayout 18 /2:WriteEALayout 40

Exit

Chiude l'applicazione o il programma.

Esempio:

ddm.exe /exit

ExportSettings

Il comando ExportSettings scrive tutte le impostazioni DDM per ogni monitor attivo nel file designato.

Se sono presenti più monitor per l'esportazione, utilizzare il numero del monitor enumerato per esportare le impostazioni. (ad esempio, /1:ExportSettings <JSON file>.Le impostazioni devono essere esportate per un monitor alla volta.

Esempio:

ddm.exe /1:ExportSettings C:\temp\model1.json

ImportSettings

Il comando ImportSettings legge tutte le impostazioni registrate nel nome file designato e le assegna ad altri monitor dello stesso modello. Viene richiesto di eseguire l'importazione quando viene collegato un monitor del modello configurato.

Esempio:

ddm.exe /ImportSettings [filename] To turn off the prompt, use this command line.

ddm.exe /writeimportpermission off /importsettings [filename]

ScreenNotification [off, on]

Abilita o disabilita una notifica dello schermo.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /ScreenNotification on

[Apple OS] ./DDPM /ScreenNotification on

AutoStartup [off, on]

Abilita o disabilita il caricamento automatico all'avvio.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /AutoStartup off

[Apple OS] ./DDPM /AutoStartup off

PowerNap [off, ReduceBrightness, Sleep]

Abilita o disabilita la funzione di protezione dell'alimentazione.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /PowerNap Sleep

[Apple OS] ./DDPM /PowerNap Sleep

ColorManagement [off, bymonitor, byhost]

Abilita o disabilita Update Manager

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /ColorManagement off

[Apple OS] ./DDPM /ColorManagement off

AutoBrightness [off, on]

Per abilitare o disabilitare la luminosità automatica.

Esempio:

ddm.exe /2:AutoBrightness on

AutoColorTemp [off, on]

Per abilitare o disabilitare la temperatura del colore automatico.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /2:AutoColorTemp on

PrimaryMonitorforSync [off, on]

Per abilitare o disabilitare il monitor primario per la sincronizzazione.

Esempio:

ddm.exe /1:PrimaryMonitorforSync on

AutoBrightnessRangeLevel [Low, Mid, High]

Per impostare il livello di intervallo di luminosità automatica su Basso, Medio, Alto.

Esempio:

ddm.exe /3:AutoBrightnessRangeLevel Low

ReadCurrentResolutionRefreshRate

Per tornare alla durata di visualizzazione corrente.

Esempio:

[Windows OS] ddm.exe /Console Start
/3:ReadCurrentResolutionRefreshRate
/7:ReadCurrentResolutionRefreshRate

ReadAllResolutionRefreshRate

Per ripristinare la visualizzazione di tutte le modalità di supporto (risoluzione, frequenza di refresh), indicare la risoluzione consigliata.

Esempio:

ddm.exe /Console Start /1:ReadAllResolutionRefreshRate

WriteResolution

Per impostare la risoluzione dello schermo.

Esempio:

ddm.exe /Console Start /1:WriteResolution

WriteRefreshRate

Per impostare la frequenza di aggiornamento supportata come elencato nel sistema operativo.

Esempio:

ddm.exe /Console Start /1:WriteRefreshRate

 

Esportazione delle impostazioni OSD (On-Screen Display) del monitor

Esiste un comando oltre le impostazioni dell'applicazione DDM. Utilizzando questo comando, le impostazioni OSD (On-Screen Display) vengono importate tra monitor dello stesso modello. (se i monitor selezionati a partire dal FY24 supportano la funzione Multi-Monitor Sync*).
Sintassi
/ExportOSDSettings [filename]

Esempio:

ddm.exe /1:ExportOSDSettings C:\temp\model1.json
ddm.exe /1:ExportOSDSettings C:\temp\model1.json


Le impostazioni del menu OSD includono:

  1. Brightness/Contrast
  2. Origine di input
  3. Color (Color Preset, Hue, Saturation)
  4. Display (ad esempio: Tempo di risposta, nitidezza, ALS, MST, MMS, definizione delle priorità USB-C e compensazione dell'uniformità)
  5. PBP e/o PIP
  6. Menu
  7. Personalize

Importazione delle impostazioni OSD del monitor

Il comando ImportSettings legge tutte le impostazioni registrate nel nome file designato e le assegna ad altri monitor dello stesso modello. Viene richiesto di eseguire l'importazione quando viene collegato un monitor del modello configurato. Per importare le impostazioni OSD, è necessario collegare la porta USB upstream tra il computer e i monitor. Se lo stesso modello di monitor è collegato a margherita, le impostazioni vengono copiate anche dal primo monitor agli altri monitor.
Sintassi
/ImportOSDSettings [filename]

Se si intende eseguire l'import senza l'intervento dell'utente, è possibile disattivare il prompt.
/writeimportpermission off /ImportOSDSettings [filename]
 

Nota: Le impostazioni OSD dei cloni richiedono una porta USB upstream collegata tra il computer e uno o più monitor. Se lo stesso modello di monitor è collegato a margherita, le impostazioni vengono copiate anche dal primo monitor ad altri monitor.

Il codice di matricola è opzionale. È disponibile nella scheda Others del menu OSD del monitor.

 

Torna all'inizio


Aggiornamento remoto del firmware per Dell Display Manager

Prerequisiti per l'esecuzione di un aggiornamento del firmware

Connettere un cavo USB Type-C o upstream tra il monitor e il computer. È preferibile una connessione diretta tra il computer e il monitor. È possibile collegare il computer con il monitor 1 e quindi i cavi USB tra i monitor con la funzione Multi Stream Transport (MST) attivata per più monitor.

Vedere le configurazione di installazione riportate di seguito:

NOTA: il monitor 1 e il monitor 2 possono essere identici o di modelli diversi.

Configurazione A (il computer è collegato al monitor 1 e il monitor 1 è collegato a margherita utilizzando un collegamento USB al monitor 2).

  • È obbligatorio utilizzare un cavo USB da A a B tra il monitor e il computer per consentire l'aggiornamento del firmware (evidenziato in rosso).
  • È necessario un cavo USB da A a B tra il computer e il monitor 1 se il computer è collegato con il monitor 1 utilizzando un cavo DP o mDP (mostrato in rosso).

Configurazione A

Figura 41 Configurazione A

Configurazione B (il computer è collegato direttamente al monitor 1 e al monitor 2).

  • Tra il computer e il monitor 1 viene utilizzato un cavo DP/mDP o HDMI. Il computer deve inoltre essere collegato ai monitor 1 e 2 utilizzando un cavo USB upstream.
  • Un cavo USB C e/o Thunderbolt tra il monitor 1 e il monitor 2 non richiede l'utilizzo di altri cavi.

Configurazione B

Figura 42 Configurazione B


Deployment di massa del firmware per i monitor utilizzando i comandi della riga di comando nel sistema operativo Windows

Esistono due metodi che consentono di implementare gli aggiornamenti del firmware (FW) in remoto:

  1. Implementazione dell'aggiornamento del firmware tramite Microsoft EndPoint Manager/SCCM o Intune utilizzando gli script PowerShell (consultare la sezione di riepilogo per ulteriori dettagli).

  2. Invio di un comando per aggiornare il firmware utilizzando la riga di comando di Dell Display Manager: (ddm.exe /fwupdate defer oppure ddm.exe /fwupdate force)

NOTA: DDM è disabilitato mentre è in corso un aggiornamento del firmware. L'aggiornamento può richiedere da 15 a 30 minuti a seconda della complessità dei modelli di monitor. Al termine dell'aggiornamento, il monitor deve riavviarsi automaticamente e si oscura momentaneamente.

Di seguito sono riportati i comandi per eseguire gli aggiornamenti del software e del firmware:

Tabella 3. Comandi di aggiornamento del software e del firmware
Comando Descrizione
LiveUpdate

Eseguire questo comando per aggiornare il software in modo invisibile all'utente se è disponibile un aggiornamento. L'installazione richiede diritti di amministratore e l'aggiornamento si avvia solo dopo il collegamento del monitor.

ddm.exe /liveupdate

NoUpdate [on/off]

Attiva/disattiva la notifica di aggiornamento automatico SW/FW. Per impostazione predefinita, DDM invia una notifica all'utente per segnalare l'aggiornamento del software o del firmware quando è disponibile.

ddm.exe /NoUpdate On (Turn off SW/FW notification)

ddm.exe /NoUpdate Off (Turn on SW/FW Notification)

 

LockUpdate

Disabilita l'aggiornamento del software e del firmware nell'interfaccia utente in modo che l'amministratore IT gestisca a livello centrale gli aggiornamenti. Una volta disabilitato, l'amministratore IT deve utilizzare /LiveUpdate per implementare l'aggiornamento software e /fwupdate per la distribuzione FW update. Per motivi di sicurezza, non è disponibile alcuna opzione di sblocco. È necessaria una nuova installazione per sbloccare l'opzione.

ddm.exe /lockupdate

 


Di seguito sono riportate le notifiche delle varie finestre che segnalano lo stato di avanzamento e aggiornamento:

Tabella 3. Notifiche di aggiornamento del firmware
Condizione Messaggio Esempio
Aggiornamento del FW disponibile. È disponibile un aggiornamento per <monitor model>. Aggiornare il monitor collegandolo direttamente al computer tramite un cavo USB. <Right Now> <Reminder Later> Posticipato
Aggiornamento immediato o in un secondo momento
Forzato
Aggiornamento forzato
Aggiornamento del firmware in corso. Aggiornamento del firmware per <monitor model>. L'applicazione riprende dopo il completamento. Aggiornamento
Aggiornamento del FW riuscito. Aggiornato correttamente il firmware per il <monitor model>_<service tag> Aggiornamento riuscito
Aggiornamento del FW non riuscito. Impossibile aggiornare il firmware per <monitor model>_<Service Tag>. Aggiornamento non riuscito

 


I comandi della riga di comando per aggiornare il firmware sono:

Tabella 5: Comandi di aggiornamento del firmware

ddm.exe /fwupdate defer

Questa modalità consente di posticipare l'aggiornamento del firmware ed eseguire subito l'aggiornamento. È possibile posticipare l'aggiornamento del firmware in modo che non interrompa le attività correnti. Viene visualizzato un promemoria il giorno successivo quando viene ricollegato il monitor.

ddm.exe /fwupdate force

Questa modalità consente di aggiornare immediatamente il firmware. L'utente viene informato delle attività prima che il firmware venga aggiornato.

Deployment tramite EndPoint Manager, SCCM o Intune

  1. Implementare gli script del client sui computer nel dominio Active Directory:

    [ddm.exe /inventory $assetlog]

  2. Elaborare tutte le informazioni restituite dal computer client e generare un elenco di inventario (.csv) dei monitor e della relativa versione del firmware:

    [$reportheader = "ComputerName,Monitor Model,ServiceTag,CurrentFimrwareVersion,UpdatedFirmwareVersion,Update_Status"

    $value = $ComputerName + "," + $line.split(",")[0] + "," + $line.split(",")[3].substring(0,7) + "," + $line.split(',')[12]]

  3. Scaricare il pacchetto FW nella cartella del server specificata per i modelli interessati.

  4. Implementare nuovamente gli script del client* (il computer client esegue il download solo se l'aggiornamento del firmware è necessario).

  5. Aggiornare il report degli asset sulla versione aggiornata del firmware (-s consiste nell'eseguire il pacchetto ISP fw con interfaccia utente minima. -q consente di eseguire il pacchetto ISP FW in modalità invisibile all'utente):

    [Start-Process -Wait -FilePath $ISPFWExe -ArgumentList '-s -l' -PassThru $ISPLogPath = Split-Path $ISPFWExe $LocalVBScript xcopy $ISPLogPath\*ISPLog.txt $serverPath /Y /C /Q /I]

    Eseguire il secondo passaggio per ottenere il registro degli asset per la versione del firmware:

    [$header = "ComputerName","Monitor Model","ServiceTag","CurrentFirmwareVersion","UpdatedFirmwareVersion","Update_status" $csv = Import-Csv $MasterLogFile -header $header -Delimiter ',' ForEach($row in $csv){ if ($row.ComputerName -match $PCName -and ($row.FirmwareVersion -notmatch $LatestFWVersion -or $ServiceTag -notmatch $row.ServiceTag )) { $row.UpdatedFirmwareVersion = $LatestFWVersion $row.Update_status = updateFwStatus $row."Monitor Model" $LatestFWVersion $csv |select-object -skip 1 |export-csv $MasterLogFile -NoTypeInformation } } ]

    Per gli script di esempio completi, contattare il team di vendita Dell.

 

Torna all'inizio


Modelli di display (monitor) Dell supportati da Dell Display Manager

Modelli di display (monitor) Dell supportati da Dell Display Manager (sistema operativo Windows)

Dell Display Manager 2.x richiede Windows 11 o Windows 10 build 17763 o versione successiva.

Tabella 6. Elenco di compatibilità dei modelli di display DDM 2.x e DDM 1.x
Modello Supporta DDM 2.x Supporta solo DDM 1.x
Monitor Alienware
  • AW2521HF
  • AW2521HFA
  • AW2521HFL
  • AW2521HFLA
  • AW2523HF
  • AW2524HF
  • AW2720HF
  • AW2720HFA
  • AW2723DF
  • AW2724DM
  • AW2724HF
  • AW2725DF
  • AW3225QF
  • AW3423DWF
  • AW5520QF
  • AW2518HF
Monitor Dell Gaming
  • G2422HS
  • G2524H
  • G2722HS
  • G2723H
  • G2723HN
  • G3223D
  • G3223Q
 
Display Dell serie C
  • C2422HE
  • C2423H
  • C2722DE
  • C2723H
  • C3422WE
  • C5519Q
  • C5519QA
  • C5522QT
  • C6522QT
  • C7520QT
  • C8621QT
  • C5517H
  • C5518QT
  • C7016H
  • C7017T
  • C8618QT
Monitor Dell serie SE
  • SE2219H
  • SE2219HX
  • SE2222H
  • SE2222HV
  • SE2419H
  • SE2419HR
  • SE2419HX
  • SE2422H
  • SE2422HM
  • SE2422HR
  • SE2422HX
  • SE2423DS
  • SE2719H
  • SE2719HR
  • SE2722H
  • SE2722HR
  • SE2722HX
  • SE2723DS
  • SE3223Q
  • SE1918HV
  • SE2018HL
  • SE2018HR
  • SE2018HV
  • SE2216H
  • SE2216HM
  • SE2216HV
  • SE2218HL
  • SE2218HV
  • SE2416H
  • SE2416HM
  • SE2416HX
  • SE2417GR
  • SE2417HG
  • SE2417HGR
  • SE2417HGX
  • SE2716H
  • SE2717H
  • SE2717HR
  • SE3218H
  • SP2318H
  • SP2418H
Monitor Dell serie P
  • P1424H
  • P1917S
  • P2219H
  • P2219HC
  • P2222H
  • P2223HC
  • P2225H
  • P2319H
  • P2418HT
  • P2419H
  • P2419HC
  • P2421
  • P2421D
  • P2421DC
  • P2422H
  • P2422HE
  • P2423
  • P2423D
  • P2423DE
  • P2424HEB
  • P2424HT
  • P2425
  • P2425E
  • P2425H
  • P2425HE
  • P2719H
  • P2719HC
  • P2720D
  • P2720DC
  • P2721Q
  • P2722H
  • P2722HE
  • P2723D
  • P2723DE
  • P2723QE
  • P2724DEB
  • P2725H
  • P2725HE
  • P3221D
  • P3222QE
  • P3223DE
  • P3223QE
  • P3421W
  • P3424WE
  • P3424WEB
  • P5524Q
  • P5524QT
  • P6524QT
  • P7524QT
  • P8624QT
  • P1913
  • P1913B
  • P1914S
  • P1917SWH
  • P2014H
  • P2016
  • P2017H
  • P2018H
  • P2213F
  • P2214H
  • P2217
  • P2217H
  • P2217WH
  • P2314H
  • P2314T
  • P2317H
  • P2317HWH
  • P2414H
  • P2415Q
  • P2416D
  • P2417H
  • P2418D
  • P2418HZ
  • P2418HZM
  • P2714T
  • P2715Q
  • P2717H
  • P2815Q
  • P3418HW
  • P4317Q
Monitor Dell serie S
  • S2319H
  • S2319HN
  • S2319HS
  • S2319NX
  • S2419H
  • S2419HGF
  • S2419HM
  • S2419HN
  • S2419NX
  • S2421H
  • S2421HGF
  • S2421HN
  • S2421HS
  • S2421HSX
  • S2421NX
  • S2422HG
  • S2422HGFA
  • S2422HZ
  • Visualizzazione del materiale S2425H
  • S2425HS
  • S2522HG
  • S2719DC
  • S2719DGF
  • S2719DM
  • S2719H
  • S2719HN
  • S2719HS
  • S2719NX
  • S2721D
  • S2721DGF
  • S2721DGFA
  • S2721DS
  • S2721H
  • S2721HGF
  • S2721HN
  • S2721HS
  • S2721HSX
  • S2721NX
  • S2721Q
  • S2721QS/S2721QSA
  • S2722DC
  • S2722DGM
  • S2722DZ
  • S2722QC
  • S2723HC
  • S2725DS
  • Visualizzazione del materiale S2725H
  • S2725HS
  • S3219D
  • S3220DGF
  • S3221QS/S3221QSA
  • S3222DGM
  • S3222HG
  • S3222HN
  • S3222HS
  • S3422DW
  • S3422DWG
  • S3423DWC
  • S2216H
  • S2216M
  • S2218H
  • S2218M
  • S2316H
  • S2316M
  • S2317HJ
  • S2317HWI
  • S2318H
  • S2318HN
  • S2318HX
  • S2318M
  • S2318NX
  • S2415H
  • S2418H
  • S2418HN
  • S2418HX
  • S2418NX
  • S2715H
  • S2718D
  • S2718H
  • S2718HN
  • S2718HN
  • S2718HX
  • S2817Q
Monitor Dell serie E
  • E1715S
  • E1916HV
  • E1920H
  • E2016HV
  • E2020H
  • E2219HN
  • E2220H
  • E2221HN
  • E2222H
  • E2222HS
  • E2223HN
  • E2223HV
  • E2420H
  • E2420HS
  • E2421HN
  • E2422H
  • E2422HN
  • E2422HS
  • E2423H
  • E2423HN
  • E2424HS
  • E2720H
  • E2720HS
  • E2722H
  • E2722HS
  • E2723H
  • E2723HN
  • E2724HS
  • E1713S
  • E1913
  • E1913S
  • E1914H
  • E1916H
  • E1916HE
  • E1916HL
  • E1916HM
  • E2013H
  • E2014H
  • E2014T
  • E2015HV
  • E2016
  • E2016H
  • E2016HL
  • E2016HM
  • E2213
  • E2213H
  • E2214H
  • E2214HV
  • E2215HV
  • E2216H
  • E2216HV
  • E2218HN
  • E2313H
  • E2314H
  • E2318H
  • E2318HN
  • E2318HR
  • E2318HX
  • E2416H
  • E2417H
  • E2418HN
  • E2715H
  • E2715HM
  • E5515H
Monitor Dell serie UltraSharp (U)
  • U2419H
  • U2419HC
  • U2419HS
  • U2419HX
  • U2421E
  • U2421HE
  • U2422H
  • U2422HE
  • U2422HX
  • U2424H
  • U2424HE
  • U2520D
  • U2520DR
  • U2719D
  • U2719DC
  • U2719DS
  • U2719DX
  • U2720Q
  • U2720QM
  • U2721DE
  • U2722D
  • U2722DE
  • U2722DX
  • U2723QE
  • U2723QX
  • U2724D
  • U2724DE
  • U3023E
  • U3219Q
  • U3223QE
  • U3223QZ
  • U3224KB
  • U3224KBA
  • U3419W
  • U3421WE
  • U3423WE
  • U3425WE
  • U3821DW
  • U3824DW
  • U4021QW
  • U4025QW
  • U4320Q
  • U4323QE
  • U4919DW
  • U4924DW
  • U2412M
  • U2413
  • U2414H
  • U2415
  • U2417H
  • U2417HA
  • U2417HJ
  • U2417HWI
  • U2515H
  • U2518D
  • U2518DA
  • U2713H
  • U2713HM
  • U2715H
  • U2717D
  • U2717DA
  • U2718Q
  • U2718QM
  • U2913WM
  • U2917W
  • U3014
  • U3415W
  • U3417W
  • U3818DW
  • UZ2215H
  • UZ2315H
  • UZ2715H
Monitor Dell serie UltraSharp Premier Color (UP)
  • UP2720Q o UP2720QA
  • UP3218K o UP3218KA
  • UP3221Q
  • UP2414Q
  • UP2516D
  • UP2715K
  • UP2716D
  • UP2716DA
  • UP2718Q
  • UP3017
  • UP3017A
  • UP3017Q
  • UP3214Q
  • UP3216Q
 

Torna all'inizio


Modelli di display (monitor) Dell supportati da Dell Display and Peripheral Manager (per macOS)

Gli utenti macOS sono supportati tramite Dell Display and Peripheral Manager per determinati modelli. Per ulteriori informazioni, consultare: Dell Display and Peripheral Manager per macOS

Torna all'inizio

その他の情報

Domande frequenti

  • DDM 2.x è compatibile con i seguenti sistemi operativi Microsoft Windows: Windows 11, Windows 10 (build 17763) e versioni successive
  • DDM 1.x è compatibile con i seguenti sistemi operativi Microsoft Windows: Windows 11, Windows 10, Windows 8.1 o 8 e Windows 7

Per macOS, scaricare: Dell Display Manager e Dell Peripheral Manager Per ulteriori informazioni, consultare: Dell Display and Peripheral Manager per macOS

Dell Display Manager (DDM) è compatibile solo con alcuni monitor Dell. Consultare l'elenco seguente per i dettagli.

No. DDM 1.x e 2.x sono uguali su tutti i modelli. Tuttavia, le funzioni offerte possono variare in base al modello.

Sì, può supportare fino a 16 monitor. Alcune schede grafiche high-end possono supportare fino a quattro monitor esterni; con quattro schede di questo tipo, Dell Display Manager (DDM) può supportare fino a 16 monitor.

Sì, il display Dell deve essere aggiornato alla versione più recente del firmware per funzionare con Dell Display and Peripheral Manager (DDPM) per Mac. Per aggiornare il firmware del display:

  1. Accedere alla pagina Driver e download di Dell.
  2. Identificare il monitor Dell in uso.
    1. Inserire il codice di matricola o il numero di modello del monitor Dell, quindi cliccare su Cerca.
    2. In alternativa, cliccare su Visualizza tutti i prodotti per selezionare il monitor Dell dal catalogo.
  3. Selezionare il sistema operativo come Apple macOS (come mostrato nella Figura 24 [solo in inglese]) e scaricare il pacchetto del firmware.
  4. Collegare un cavo USB-C o Thunderbolt al monitor, eseguire il pacchetto del firmware e seguire le istruzioni visualizzate per completare l'aggiornamento del firmware per il monitor.

Selezione del sistema operativo Apple nel menu a discesa del sito web Dell.com/support/drivers
Figura 37. Selezione del sistema operativo Apple nel menu a discesa della pagina dei driver Dell

NOTA: l'aggiornamento del firmware potrebbe richiedere alcuni minuti. Disabilitare la modalità di sospensione sul Mac quando si aggiorna il firmware del monitor.

Dell Display Manager (DDM) non supporta desktop VDI o altri ambienti virtualizzati.

Dell Display Manager (DDM) è compatibile con tutte le schede grafiche dei principali fornitori, come NVIDIA, AMD e Intel.

  • Consente di passare con facilità da una sorgete all'altra.
  • È possibile assegnare un nome a ciascuna sorgente e definire un tasto di scelta rapida per accedere in modo rapido a più dispositivi connessi: si tratta di una funzione utile per programmatori e appassionati di videogiochi.

Per informazioni su come disinstallare i programmi, consultare l'articolo della Knowledge Base di Microsoft: Disinstallare o rimuovere applicazioni e programmi in Windows Questo link ipertestuale indirizza a un sito web esterno a Dell Technologies.

NOTA: Il programma è riportato in elenco con la dicitura Dell Display Manager.

No, sui computer è possibile avere in esecuzione versioni di Dell Display Manager differenti. Tuttavia, Dell consiglia vivamente di eseguire la versione più recente di Dell Display Manager in modo da ottenere correzioni, miglioramenti e abilitazione di nuovi dispositivi aggiornati.

No, in Dell Display Manager è possibile configurare varie impostazioni. Le impostazioni possono non corrispondere, spetta all'utente scegliere quelle da utilizzare.

NOTA: Per una disposizione EasyArrange, è possibile selezionare il layout più adatto a ciascuna delle origini di input per migliorarne la produttività. Gestendo entrambe le origini di input in modo coerente per i tasti di scelta rapida e altre impostazioni, è più facile mantenere le stesse impostazioni.

L'uso di tasti accentati come â, ê, î, ô e û ha comportato la visualizzazione di ^^a, ^^e, ^^i, ^^o e ^^u .
Questo problema è stato risolto. Scaricare e installare la versione più recente di DDM (2.1.0.45 o versione successiva).

L'aggiornamento remoto del firmware è attualmente consentito solo per Windows.

No, il monitor deve comunque connettersi al computer durante l'aggiornamento del firmware. Se si scollega il cavo durante l'aggiornamento del firmware, Dell Display Manager segnala che l'aggiornamento del firmware non è riuscito.

Il firmware non si aggiorna correttamente e Dell Display Manager segnala che l'aggiornamento del firmware non è riuscito. Se ITDM intende eseguire nuovamente l'aggiornamento, è necessario eseguire nuovamente il comando. Non è consigliabile scollegare il sistema durante il processo di aggiornamento del firmware. Se non si è pronti per eseguire l'aggiornamento del firmware, è possibile posticiparlo.

Implementare il comando CLI per raccogliere la versione del firmware e confrontarla con quella sul server. Ciò consente di generare la versione corrente e la versione aggiornata del firmware (vedere i comandi forniti nell'articolo).

Implementare il comando CLI per generare i report sugli asset nella versione del firmware nella flotta.

L'aggiornamento del firmware può essere eseguito tramite il dock. Tuttavia, è necessario che sia presente un percorso dati tra il computer e i monitor. In questo caso, il monitor può rimanere collegato al dock con un cavo USB-C/USB upstream/Thunderbolt. Non è possibile utilizzare un cavo DP o HDMI.

Articoli consigliati

Di seguito sono riportati alcuni articoli consigliati correlati a questo argomento che potrebbero essere di interesse per l'utente.

文書のプロパティ


影響を受ける製品

Alienware and Dell Gaming Monitors, C Series, E Series, P Series, S Series, SE Series, UltraSharp Premier (UP) Series, UltraSharp (U) Series, Dell Display Manager 2.x, Dell Webcam WB7022

最後に公開された日付

02 5月 2024

バージョン

57

文書の種類

How To